Home Dieta e Alimentazione Cereali Integrali: Un Alimento Ottimo per la Nostra Salute

Cereali Integrali: Un Alimento Ottimo per la Nostra Salute

18
0

Quest’oggi parleremo di cereali integrali, un’ottimo elemento per la nostra salute e per una buona e sana alimentazione.

I cereali integrali mantengono, infatti, una serie di proprietà che permettono addirittura di fare una vera e propria prevenzione di malattie a tavola perché contengono molti elementi favorevoli per la salute. Piccola parentesi: secondo una ricerca, le persone che consumano almeno tre porzioni di cereali integrali ogni giorno hanno una vita più lunga e più in salute di chi non lo fa!

Indice:

Quali sono le loro proprietà?
In primis sono ricchissimi di antiossidanti, minerali, oligoelementi, grassi polinsaturi, lignani e fitoestrogeni, tanto da rendere il cereale in chicco il cardine di un’alimentazione equilibrata.

Essi favoriscono, anche, il regolare funzionamento dell’intestino: un intestino che funziona bene è già di per sé un fattore di prevenzione verso stati di intossicazione dell’organismo, e svolge un ruolo preventivo verso l’insorgenza di malattie cardiovascolari, come infatti, nutrono e rinforzano la flora batterica intestinale grazie all’alto contenuto di selenio, fibre e antiossidanti (soprattutto la vitamina E).

Un’altra fondamentale proprietà dei cereali integrali è che favoriscono una migliore gestione del colesterolo nel sangue, abbassandolo di conseguenza; oltre al fatto di prevenire il diabete essendo a ridotto indice glicemico e insulinico. Sono quindi indicati anche per chi fa una dieta ricca di grassi o è in sovrappeso.

Cereali integrali

In quali alimenti si trovano?
Vediamoli qui di seguito:

  • riso integrale: rispetto a quello brillato, il riso integrale garantisce un ricco apporto di fibre e sali minerali e non contiene glutine. Ne esistono di diverse qualità e forme. Quello nero è ricco di antiossidanti e fibre, adatto alle diete ipocaloriche;
  • miglio: anch’esso privo di glutine, è molto energetico, ricco di minerali e vitamine. E’ ottimo per chi soffre di acidità di stomaco e disturbi gastrici ed è anche alcalinizzante;
  • avena: un toccasana per l’intestino, perché molto digeribile. Ricca di vitamine del gruppo B, l’avena favorisce l’equilibrio del sistema nervoso;
  • frumento: contiene tutte le sostanze vitali: vitamine, sali minerali, amidi e proteine. È indicato per chi soffre di disturbi al fegato, depressione, anemia e nevrosi. È ideale anche per chi vuole mantenere il peso forma;
  • orzo: ottimo per alleviare le infiammazioni del tratto gastrointestinale, l’orzo è ricco di vitamine del gruppo B e di calcio. Essendo molto digeribile, è adatto per l’alimentazione di bambini e anziani;
  • segale: con un apporto energetico molto alto, favorisce il senso di sazietà. Aiuta l’assorbimento degli zuccheri ed è benefico per la flora batterica intestinale;
  • mais: contiene minerali come magnesio, fosforo, ferro e potassio. Stimola la diuresi e aiuta a eliminare le tossine. Anche per l’intestino è un valido aiuto. Non contiene glutine;
  • farro: questo cereale, che fa parte della famiglia del frumento, è ricchissimo di magnesio. Indicato per i diabetici e gli sportivi. Aiuta a controllare i livelli di colesterolo nel sangue.

Perché riescono ad allungare la vita?

“Secondo una ricerca le persone che consumano almeno tre porzioni di cereali integrali ogni giorno hanno una vita più lunga e più in salute di chi non lo fa”

Le linee guida dietetiche raccomandano di mangiare tre o più porzioni di cereali integrali ogni giorno per facilitare la prevenzione delle malattie.

Tuttavia la maggior parte delle persone ne mangia in media meno di una porzione al giorno il ciò è negativo se pensiamo che consumare almeno una porzione da 20 grammi di cereali integrali al giorno porta ad una riduzione del 7% del rischio di morte per qualsiasi causa, una riduzione del 9% del rischio di morte per malattie cardiache e la riduzione del 5% di un rischio di morte da un cancro.


Se ti è piaciuto quest’articolo metti mi piace e lascia un commento, oppure condividilo su Facebook. Grazie!

Per approfondire l’argomento su Wikipedia clicca qui

Ti potrebbe interessare anche...

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here