Home Bellezza Carenza Vitamina D: Possibili Cause, Cure e Rimedi

Carenza Vitamina D: Possibili Cause, Cure e Rimedi

127
0

Ci sono dei periodi in particolare in cui ci si può sentire alquanto malandati e, solitamente, si correla questo stato ai classici malanni stagionali. In alcuni casi però bisogna prestare molta attenzione, in quanto potrebbero trattarsi di dolori dovuti da una carenza di vitamina D. Quindi è importante informarsi in maniera approfondita sulle cause e i vari rimedi, utili per avere un supporto efficace durante la cura.

Indice:

Mancanza di vitamina D: Cause e Sintomi

Molto nota come la vitamina del sole, questa tipologia di vitamina è fondamentale per la resistenza a livello osseo.

La sua carenza può provocare una massa ossea piuttosto bassa e conseguentemente può scaturire in problematiche inerenti l’osteoporosi. Inoltre può causare problemi di diabete e di debolezza muscolare, oltre ad altri tipi di patologie ancora più gravi come ad esempio l’artrite reumatoide e il cancro.

Ciò fa capire quanto sia importante cercare di non arrivare a una mancanza di vitamina D, appunto perché questo problema può causarne altri assai nocivi per la salute.

Il rimedio migliore in assoluto per ottenere la vitamina D è sicuramente la luce solare. Questa è l’unica vitamina che costituisce pure un ormone e che non si assume tramite il cibo.

Anche quando gli alimenti sono in grado di fornirne un certo quantitativo, la soluzione migliore resta sempre il sole con la sua luce e il suo calore. Pertanto è molto importante prendere il sole nel modo giusto e proteggendo ovviamente la cute, proprio per evitare la carenza di questa vitamina indispensabile.

 



Annuncio Pubblicitario


Come intensificare la vitamina D

Per poter capire bene da che cosa è dovuto lo scompenso vitaminico, è necessario effettuare delle analisi del sangue appropriate. Così una volta appurata la motivazione, il medico vi potrà consigliare gli integratori alimentari più idonei per incrementare la vitamina D.

Se invece preferite curarvi mediante i raggi del sole, l’importante è farlo nel modo maggiormente corretto: esponendovi al sole da un minimo di 10 minuti a un massimo di un’ora ogni giorno. Coloro che hanno la carnagione più scura, hanno bisogno di un quantitativo di luce maggiore.

 

Alimentazione corretta

Generalmente questa vitamina si può trovare nel fegato, nei pesci grassi come i gamberi e nei formaggi grassi, nei funghi e nel tuorlo d’uovo. Questi ultimi due alimenti sono gli unici di tipo vegetale che possono fornire la vitamina D.

 


Se ti è piaciuto quest’articolo metti mi piace e lascia un commento, oppure condividilo su Facebook. Grazie!

Per approfondire l’argomento su Wikipedia clicca qui


Newsletter GRATUITA – Metodibenessere.it
Vuoi ricevere i nostri articoli, gli approfondimenti e le nostre guide direttamente sulla tua mail? Iscriviti alla nostra mailing list, è GRATIS!


Ti potrebbe interessare anche...

 
Previous articleDolore Cervicale: Cause, Sintomi e Rimedi
Next articleTemperatura Corporea: Quali sono i valori normali?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here